LE DICHIARAZIONI

Vanessa Bryant accusata dalla madre: "Mi ha cacciata di casa"

La moglie di Kobe Bryant respinge le accuse della madre: "Continuo a sostenere le sue spese"

Condividi

Vanessa Bryant, modella e imprenditrice di moda di 38 anni, è stata accusata dalla madre, Sofia Laine, ospite di un programma televisivo, di averla cacciata di casa dopo la morte del marito di lei Kobe Bryant, morto prematuramente all’età di 41 anni. Puntuale la smentita della figlia.

La suocera della superstar dell'NBA, Sofia Laine, intervistata in queste ultime ore dal giornalista spagnolo Dave Valadez nel corso del programma realizzato a Miami, in Florida, “El Gorda y La Flaca” di Univision, visibilmente commossa e amareggiata, ha raccontato: "Vanessa mi ha detto Ho bisogno che tu esca da casa mia. Mi ha anche detto che rivoleva indietro la sua macchina e che la voleva subito".

Qualche ora dopo la diffusione delle dichiarazioni della madre, Vanessa Bryant ha rilasciato una ferma smentita alle agenzie: "Mio marito e mia figlia sono morti inaspettatamente e, tuttavia, mia madre ha avuto il coraggio di rilasciare un'intervista in cui mi mette in cattiva luce e versa qualche lacrima per una casa e una macchina che non erano nemmeno a suo nome".

La moglie del compianto Kobe Bryant chiarisce poi la situazione finanziaria della madre: "Mia madre continua a dipendere da me finanziariamente; mio marito ed io l'abbiamo sempre sostenuta finanziariamente nel corso degli ultimi 20 anni e io continuo a farlo, oltre a pagare gli alimenti mensili”. E prosegue: “Contrariamente a quanto riportato in precedenza, lei non è mai stata fisicamente presente, né mi è stata di supporto emotivo dopo la morte di mio marito e di mia figlia".

Con queste dichiarazioni, Vanessa si è augurata che questa querelle familiare finisca qui. Con il compianto campione dell’NBA Kobe Bryant, Vanessa ha avuto quattro figlie di cui una, Gianna, detta Gigi, giovane promessa della pallacanestro, è rimasta coinvolta nello stesso incidente del padre, avvenuto nel gennaio 2020.
Il gruppo, al momento dell’incidente in elicottero, era diretto alla “Mamba Academy”, celebre centro sportivo in cui si allenava spesso la secondogenita del campione.

Vanessa, in quell’occasione, aveva dichiarato, attraverso il suo profilo Instagram: “Io e le mie figlie siamo completamente devastate dall'improvvisa perdita di mio marito Kobe, il meraviglioso padre dei nostri figli, e della mia bella e dolce Gianna, una figlia amorevole, generosa e una meravigliosa sorella per Natalia, Bianka e Capri”.

Vanessa Laine aveva conosciuto la star dei Lakers Kobe Bryant nel 1999, sposandolo nel 2001 e diventando la signora Bryant. Undici anni dopo aveva annunciato, però, la volontà di separarsi, a causa di presunti tradimenti e scandali. Tuttavia il divorzio non si è mai concretizzato e nel 2013 Kobe e Vanessa erano tornati insieme. Nel corso degli anni sono arrivate quattro figlie: Gianna Maria-Onore Bryant, Natalia Diamante Bryant, Bianka Bella Bryant, Capri Kobe Bryant. L’ultima, nata in Italia, a Capri, ha compiuto un anno a giugno.
23 settembre 2020
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154