AMORE

Tomaso Trussardi: "La morte di mio fratello è una cicatrice che rimane"

Ospite a Verissimo per la sua prima intervista tv, l'imprenditore si racconta tra famiglia, lavoro e amore: "Con Michelle (Hunziker) si è creata subito una connessione profonda, oggi sono un uomo felice"

Condividi
Tomaso Trussardi, ospite domani a Verissimo per la sua prima intervista in tv, ricorda il padre Nicola che ha portato al successo l’azienda di famiglia: "Mi manca non aver conosciuto la persona, perché quando se ne è andato avevo solo 15 anni. L’ho vissuto più come figura genitoriale, che ami e che ti dà delle regole che cerchi di interpretare". E aggiunge: "Non ci sono più imprenditori come lui: era un instancabile lavoratore. Mi ha insegnato la totale adesione al lavoro, a porsi degli obiettivi e a portarli avanti".

Ai microfoni del talk show, Tomaso rivolge anche un pensiero commosso al fratello che ha perso la vita a soli 27 anni: "Ci ha lasciato dopo solo tre anni dalla morte di mio padre. È stato un colpo ancora più forte. Con lui stavo costruendo anche un rapporto di amicizia. Io sono un positivo per natura ma certe cose non le superi, impari a convincerci. Sono delle cicatrici che rimangono".

Dopo tanta sofferenza l’arrivo della moglie Michelle Hunziker ha regalato all’imprenditore la serenità: "Michelle è arrivata casualmente nella mia vita. Con lei si è creata immediatamente una connessione profonda e veloce che nel giro di quattro anni ci ha portato subito alla convivenza, al matrimonio e all’arrivo di due figlie. Oggi sono un uomo felice".
19 settembre 2020
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154