IL VIDEOMESSAGGIO

Sergio Sylvestre: "Cantare in uno stadio vuoto mi ha emozionato e ne sono fiero"

Il cantante risponde alle polemiche sulla sua interpretazione dell'inno durante la Coppa Italia: "Cantare l'inno di un Paese che amo in un silenzio surreale mi ha fatto emozionare"

Condividi
Sergio Sylvestre in un videomessaggio a Verissimo risponde alle polemiche sulla sua interpretazione dell’inno nazionale in occasione della finale di Coppa Italia, quando si è bloccato per qualche secondo: "Il silenzio surreale di uno stadio vuoto e l'importanza di dover cantare l'inno di un Paese che amo e che mi ha accolto con amore mi ha fatto emozionare tantissimo", dice.

"Per me è stato un onore farlo e la mia emozione ha attirato tante polemiche inutili. Sono fiero di quello che ho fatto e sono contento della solidarietà dei miei colleghi e dei miei fan", conclude il cantante americano intonando poi qualche strofa del suo nuovo singolo, Story of my life, che racconta come "un viaggio da Los Angeles alla Puglia".
27 giugno 2020
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154