MUSICA

Rita Pavone: "La mia 'resilienza' dopo la morte di mio fratello"

Rita Pavone, ospite a Verissimo, racconta il lutto per la morte del fratello minore e la forza che ha avuto dalla musica

Condividi
Rita Pavone ospite a Verissimo racconta i dolori e la "stanchezza interiore" provata dopo la morte di suo fratello minore: "Ho avuto delle batoste sul piano personale nell’ultimo anno che sono riuscita a superare: la morte di mio fratello minore. Per me è stato un dramma". E prosegue: "Ho cercato di lottare contro una forma di stanchezza interiore. La musica mi ha tirato fuori da tutto. Ho trovato tante persone che mi vogliono bene e mi sono aggrappata a loro".

Da questa esperienza nasce il titolo della sua canzone portata a Sanremo, 'resilienza'. E sull'esperienza a Sanremo dice: "Credevo di non essere stata scelta. Quando mi ha chiamata è stata un’emozione bellissima. Amadeus non ha tenuto conto della mia età, ma ha sentito la voce e l’energia. Gli sono profondamente grata".

Infine Rita Pavone risponde anche alle critiche social e alle accuse di essere 'sovranista': "Non so cosa voglia dire essere sovranista, ma se significa amore per il mio paese sì! Io amo l’Italia e le mie radici". E sul discusso tweet che aveva scritto contro Greta Thunberg, l’attivista sedicenne svedese che ha ispirato il Global strike for future, la cantate ci tiene a precisare: "È stata una battuta infelice e chiedo scusa. Apprezzo molto quello che fa, ma sono scettica su quello che le sta attorno: un’organizzazione mostruosa che strumentalizza le sue battaglie".
15 febbraio 2020
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154