LO SFOGO

Fabio Rovazzi rompe il silenzio: "La quarantena mi ha inghiottito nel buio più totale"

Il cantante, lontano dai social da mesi, torna su Instagram e spiega perché quest'estate non ascolteremo suoi tormentoni: "La quarantena è stato un vero incubo personale e mi ha cambiato"

Condividi
Dopo mesi di assenza social, Fabio Rovazzi torna su Instagram e spiega il perché del suo silenzio, ma anche del fatto che quest'estate non sentiremo suoi tormentoni: "Avrei davvero voluto darvi una canzone per ballare e scatenarvi quest’estate. Purtroppo non è successo. Il periodo della quarantena è stato un vero incubo personale: mi ha inghiottito nel buio più totale e mi ha sputato fuori cambiandomi", scrive il cantante, 26 anni, che a causa del coronavirus ha perso ad aprile l'amatissimo nonno.

"È stata un’occasione per fermarsi a riflettere sulle prioritá della vita. Spesso, sopratutto di questi tempi, non ci rendiamo conto delle cose realmente importanti", continua. "Avrei potuto fingere, in studio e sul palco, di essere felice. Purtroppo non sono capace. Le canzoni sono sempre state un prolungamento del mio stato d’animo e se fossi stato costretto a farne una ora sarebbe uscito un pezzo strappalacrime drammatico (che vi evito molto volentieri)".

"A fine agosto vi annuncieró una operazione a livello mondiale che vi manderà fuori di testa", annuncia alla fine. L'ultimo intervento del cantante era stato contro i negazionisti del Covid in un'intervista al Corriere della sera, a inizio giugno: "Quando qualcuno dice che il coronavirus non esiste, lo prendo di petto. Impazzisco. Ho vissuto una tragedia da vicino", aveva detto riferendosi al suo addio al nonno.
28 luglio 2020
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154