LA SCHEDA

EMDR, che cos’è il metodo psicoterapeutico usato da Michele Bravi

Usato per superare traumi, ecco come funziona l’EMDR

Condividi

“Ho seguito un metodo clinico per il trattamento dei grandi traumi – l'EMDR – che mi ha salvato e mi ha fatto tornare a parlare e a sentire”. Così a Verissimo Michele Bravi racconta il percorso terapeutico dopo l’incidente in cui è rimasto coinvolto nel 2018 e in cui ha perso la vita una donna.

Ma che cos’è l’EMDR?
EMDR sta per "Eye Movement Desensitization and Reprocessing", ossia "Desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari". Si tratta di un approccio psicoterapeutico ideato nel 1989 e usato per superare sia gravi eventi traumatici (come ad esempio terremoti, inondazioni), sia traumi personali come lutti o perdite di persone importanti.

Nello specifico, il terapeuta invita il paziente a rievocare delle esperienze negative, nel tentativo di farlo "abituare" (desensibilizzare) al ricordo traumatico, "distraendolo" nel contempo muovendo alcune dita davanti agli occhi, oppure tamburellando le dita sulle ginocchia o ancora attraverso una stimolazione sonora.

Lo scopo del trattamento è provare a ricostruire gli eventi vissuti, associare le diverse componenti (emotiva, sensoriale, motoria, cinestesica, cognitiva), assimilarle e permetterne l’integrazione nella narrazione autobiografica del paziente.

18 gennaio 2020
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154