VERISSIMO

Alessandro Haber: "Il lavoro è sempre stato al primo posto. Ora c'è mia figlia"

Alessandro Haber confida a Silvia Toffanin l’importanza vitale della recitazione e il rapporto speciale che ha con sua figlia

Condividi
“Non mi sono mai preso cura di me come essere umano, mi sono sempre curato come artista”, con queste parole inizia l’intensa intervista di Silvia Toffanin ad Alessandro Haber, “La recitazione è dove mi sento a mio agio, dove riesco a darmi, dove posso emozionare ed emozionarmi”.

Parlando della figlia Celeste avuta con l'attrice Antonella Bavaro, Alessandro afferma: “A mia figlia darei la vita. Un amore che non ha confini e non ha spazi. Lei è la donna della mia vita”.

Un’infanzia libera e incontenibile a Tel Aviv dove ha vissuto fino all’età di 9 anni: “Già in Israele volevo fare l'attore. A cinque anni mi truccavo e mi vestivo. Era un bisogno, una malattia cronica. Una passione talmente forte. Non c’è niente che mi piaccia di più, niente che mi faccia stare meglio. Anche le donne che ho avuto si sono sempre sentite in seconda battuta. Il lavoro è sempre stato al primo posto. Ora c'è mia figlia".

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY MAGAZINE
13 aprile 2019
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154