POLITICA

Coronavirus, Daniele Capezzone: "Gli imprenditori sono stati umiliati"

L'ex deputata, in collegamento con Stasera Italia, difende la protesta degli imprenditori a Milano per chiedere al governo di riaprire

Condividi
"Il compito dei governi non è descrivere i porblemi, ma offrire soluzioni. E anche mettersi nei panni di un imprenditore: è stato umiliato con la richiesta dei 600 euro con il sito dell'Inps che è andato giù, umiliato perché i 600 euro o non sono arrivati o sono arrivati in ritardo, umiliato con la storia dei prestiti bancari promessi in televisione e che poi non arrivano, umiliato sulle spese per la riapertura. Sperava che Conte andasse in tv e dicesse di riparire con cautela, invece no". Daniele Capezzone, in collegamento con Stasera Italia, difende le porteste degl imprenditori a Milano.

"Voi davvero volete che la gente si rivolti o, peggio, che arrivi a momenti di disperazione?", chiede l'ex deputato e giornalista de La verità, "qualcuno il bonifico alla fine del mese il bonifico ce l'ha, ma quegl imprenditori, quei bar, quei ristoratori, quei balneari no".

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY MAGAZINE
07 maggio 2020
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154