POLEMICA

Vittorio Sgarbi difende Sergio Sylvestre: "È più italiano di noi"

Ospite a Quarta Repubblica il deputato interviene sulle polemiche contro il cantante che si è bloccato durante l'inno d'Italia in occasione della finale di Coppa Italia

Condividi
"Io vorrei che soltanto gli stranieri cantassero il nostro inno, perché c'è una retorica municipale, nazionalista, di quelli che lo recitano senza capirlo. Uno straniero può anche non capirlo, ma recita qualcosa che sente proprio. Far diventare proprio qualcosa vuol dire farlo diventare un bene universale. Quello è un italiano più di noi". Ospite a Quarta Repbblica, Vittorio Sgarbi difende Sergio Sylvestre, il cantante statunitense vinciotre di Amici criticato per essersi bloccato mentre eseguiva l'inno d'Italia durante la finale di Coppa Italia.

"Quella grandezza di un nero che canta in quel modo è l'idea di sentire che i valori dell'Italia sono valori universali", continua il deputato e critico d'arte, "evviva questo ragazzo, che ha fatto un elogio all'Italia alto e universale".

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY MAGAZINE
23 giugno 2020
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154