Quarta Repubblica

Fattura elettronica, la benzina aumenta

Alcuni benzinai chiedono un contributo ulteriore per il pagamento elettronico. Quarta Repubblica li ha intervistati

Condividi
“Si avverte che a fronte dell’emissione della fattura elettronica sarà richiesto un contributo di 0,41 euro oltre iva”.

È il cartello che la giornalista di Quarta Repubblica trova appeso vicino alle pompe di benzina di una stazione fiorentina. Chiesta una spiegazione al proprietario, arriva la risposta: ““Se lei viene qui a fare 20 euro di benzina e paga con la carta di credito, noi siamo a rimessa”.

Ma non è l’unico caso: sono tanti gli esercenti che informano gli automobilisti di un aumento anche di un euro e mezzo: “un bar aumenta di 50 centesimi le brioche e rientra delle spese, il gasolio non si può aumentare”, spiega una donna.

Moreno Parin, presidente benzinai Confcommercio di Treviso, prova a giustificare la sua categoria: “L’errore da parte dello Stato e dei rappresentanti dei gestori è quello di non avere considerato i costi aggiuntivi che i benzinai hanno con la fatturazione elettronica”.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY MAGAZINE
28 gennaio 2019
Copyright © 1999-2018 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154