RAZZISMO

Caso Balotelli, Sgarbi: “Fischiato un ne**o ricco perché è un calciatore, in Italia non c’è razzismo”

Il critico d’arte e opinionista interviene sul caso dei cori allo stadio durante Verona-Brescia a Quarta Repubblica

Condividi
Secondo Vittorio Sgarbi “in Italia non c’è razzismo”. È il parere dell’opinionista e critico d’arte a Quarta Repubblica sul caso dei fischi e degli ululati al calciatore Mario Balotelli durante il match Verona-Brescia domenica 3 novembre.

“È stato fischiato un ne**o ricco perché è un calciatore – sostiene Sgarbi – Perché è uno str**o, se è uno str**o”, prosegue. Secondo Sgarbi non si tratterebbe dunque di una questione legata al colore della pelle ma piuttosto di una questione di soldi e di calcio.

Non la pensano però così diversi esponenti politici e nemmeno la senatrice a vita Liliana Segre. Qui sopra il video con tutte le dichiarazioni.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY MAGAZINE
05 novembre 2019
Copyright © 1999-2018 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154