cronaca

Omofobia, il chirurgo minacciato dal padre: "Voleva farmi spezzare le dita"

L'uomo avrebbe contattato un sicario per picchiarlo, le dichiarazioni della vittima a Pomeriggio Cinque

Condividi

Il padre assolda un sicario per picchiarlo perché omosessuale. A Pomeriggio Cinque parla il chirurgo di Torino minacciato: "Tutto è cominciato quando ho confessato la mia omossesualità a mia madre - ha spiegato - poi ho conosciuto il mio attuale compagno che è stato presentato in famiglia. Sembrava tutto normale".

Poi qualcosa è cambiato: "Il mio compagno ha ricevuto un'aggressione - racconta - e poco dopo, mi si avvicina un signore che mi dice che è stato pagato per picchiarmi e danneggiarmi, in particolar modo alle mani. Lui però si è detto pentito perché dopo aver visto che ero una persona onesta non voleva più farlo. Ha così pensato di fare delle finte foto per rassicurare mio padre di aver portato a termine il suo incarico".

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY MAGAZINE

17 dicembre 2020
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154