CRONACA

Lockdown Campania, la protesta degli imprenditori: "Lo Stato se ne frega"

In collegamento con Pomeriggio Cinque, alcuni ristoratori di Napoli protestano contro il lockdown e il coprifuoco

Condividi
"Vogliamo rispettare le regole, ma vanno tutelati i cittadini. Volete fare coprifuoco e lockdown? Benissimo, sospendete i fitti, sospendete le bollette dell'acqua della luce e del gas. Siamo diventati grandi debitori nei confrotni dello Stato, non ci danno più i prestiti. Sono quindici giorni che nessuno di noi incassa". In collegamento con Pomeriggio Cinque alcuni imprenditori e ristoratori di Napoli protestano contro la richiesta di chiusura anticipata dei locali da parte del governatoree VIncenzo De Luca.

"Ci sono i nostri dipendenti che aspettano ancora la cassa integrazione di giugno e luglio, è gravissimo", continua un'imprenditrice, "con noi piccoli ristoratori cadranno fornitori e tutti i tipi di settori: qua il coprifuoco inizia alle 20.30".

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY MAGAZINE
23 ottobre 2020
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154