CORONAVIRUS

Coronavirus, le morti sospette al Pio Albergo Trivulzio

A Pomeriggio Cinque, parla un operatorio sanitario del Pio Albergo Trivulzio

Condividi
Una situazione di emergenza al Pio Albergo Trivulzio dove il governo ha inviato una squadra di ispettori. Nel polo geriatrico più importante del Paese, è stata aperta un'inchiesta con l'ipotesi di diffusione colposa di epidemie. Nella struttura, sono morti circa 70 anziani solo nel mese di marzo.

L’inviata di Pomeriggio Cinque Carlotta Dessì si trova fuori dalla struttura di Milano: “È stata aperta un’indagine per circa 70 morti. Purtroppo nelle ultime ore ci sono altri 3 decessi. Non sono mai state certificati come tali. Ci sono state diverse denunce, ma anche degli operatori sanitari. La denuncia è partita anche da loro. Loro già a febbraio avevano chiesto di indossare le mascherine”.

Eliseo, operatore sanitario della struttura, spiega a Barbara d’Urso: "Come in tutta Italia le mascherine scarseggiavano. Noi in autonomia ci portavamo le mascherine prima che ci venisse vietato. Ci veniva vietato l’uso delle mascherine e la motivazione era di non creare panico per i parenti e per i pazienti".

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY MAGAZINE
07 aprile 2020
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154