cronaca

Bimbo ucciso a Cardito, il padre abbandona il tribunale: “Troppo dolore”

A Pomeriggio Cinque l’intervista al padre naturale del bimbo dopo l’udienza dove era presente anche Tony Essobti, accusato di aver ucciso Giuseppe

Condividi
“Per come è stato ammazzato mio figlio non me la sentivo di continuare, ho dovuto abbandonare l’aula”. Lo dice a Pomeriggio Cinque il padre naturale del piccolo Giuseppe, ucciso di botte a Cardito nel gennaio 2019. Per l'omicidio è indagato il patrigno Tony Essobti, che ha confessato l'accaduto.

Il bimbo di soli otto anni è stato picchiato fino a morire e la sorellina avrebbe assistito alla scena: anche la madre è sotto accusa perché il piccolo sarebbe rimasto per ore agonizzante senza che nessuno chiamasse i soccorsi. Nel giorno dell’udienza in tribunale, Pomeriggio Cinque intervista il papà: “Ho provato solo dolore e sto provando ancora dolore, tuttora”, racconta ancora l’uomo.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY MAGAZINE
16 ottobre 2019
Copyright © 1999-2019 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154