logoloading

PLAY CULT

Tinto Brass: "Il sesso è tabù solo per chi ha cultura"

Il regista, ricoverato d'urgenza a Roma, parlava così del sesso al Maurizio Costanzo Show a metà degli anni '80

Condividi
Lo scorso 9 luglio Tinto Brass è stato ricoverato con urgenza all'ospedale Sant'Andrea di Roma. Dopo un'iniziale preoccupazione, i medici hanno fatto sapere che le sue condizioni generali sono discrete e non è in pericolo di vita. Maestro del cinema erotico italiano, 86 anni, il regista vanta una lunghissima carriera iniziata negli anni '60 con film che attirarono subito l'attenzione della censura non tanto per i contenuti erotici bensì per quelli politici.

Sono però titoli come La chiave con Stefania Sandrelli, Miranda con Serena Grandi, Capriccio con Francesca Dellera, Senso '45 dal racconto di Camillo Boito con Anna Galiena a conferirgli il titolo del maestro dell'erotismo sul grande schermo. Tra gli altri film da ricordare ci sono Caligola (1980), interpretato da Malcolm McDowell e ambientato nella Roma antica, Paprika con Debora Caprioglio e la commedia autobiografica Fermo posta Tinto Brass (1995) di cui è stato anche attore.

Brass è sempre stato convinto che il sesso sia un tabù solo per chi ha cultura, che classifica come perverso quanto invece è un atto naturale. Nel video in apertura dell'articolo lo rivediamo al Maurizio Costanzo Show, nella stagione 1985-86 mentre discute proprio di questo.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY MAGAZINE
11 luglio 2019
Copyright © 1999-2018 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154