PERSONAGGI

Pamela Petrarolo: "Quando Robbie Williams mi invitò a Londra"

La 43enne romana racconta a Mediaset Play Cult la sua esperienza come ragazza di Non è la Rai e dell'incontro con il leader dei Take That

Condividi
"A un certo punto mi si avvicinò Robbie e mi disse se volevo andare con lui a Londra. Ma io non avevo capito una ceppa". Il sogno di molte ragazzine negli anni Novanta: incontrare i Take That. A Pamela Petrarolo successe, mentre lavorava a Non è la Rai e ricorda ancora l'imbarazzo davanti a Robbie Williams, che parlava una lingua a lei poco conosciuta.

Intervistata da Chiara Galeazzi per Mediaset Play Cult, la celebre coreografa torna con la mente agli anni della sua adolescenza, quando subito dopo la scuola correva allo studio Palatino per cantare, ballare e giocare con le altre ragazze del programma. I pianti erano all’ordine del giorno: "Era proprio terapeutico. Era un po' lo sfogo delle adolescenti con gli ormoni a pallettoni. Bastava che litigassimo con un ragazzino e poi il giorno dopo partisse una canzone un pochino melodica: era fatta". Ma anche il divertimento, il senso di appartenenza. E quei lunghi balli scatenati: "Gianni diceva sempre: Chi supera i provini di 4-5 minuti di Please Don’t Go, passa la prova". Nel video qui in alto è possibile rivedere tutta l'intervista a Pamela Petrarolo.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY MAGAZINE
02 luglio 2020
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154