PLAY CULT

Cosa diceva Vittorio Sgarbi a proposito di Halloween nel 1998

Dal nostro archivio Play Cult, la puntata di Sgarbi Quotidiani del 1998 sulla festa di Halloween

Condividi
"Dall'Irlanda agli Stati Uniti, e dagli Stati Uniti come delle scimmie a noi. Tutto viene confuso, tutto viene cementato, tutto viene cancellato, tutto viene americanizzato. E anche le feste devono essere feste degli americani, delle nostre cosa ce ne facciamo?". È il 1998 e Vittorio Sgarbi, per la sua rubrica di attualità e approfondimento Sgarbi Quotidiani dal nostro archivio Play Cult, crittica Halloween e gli italiani che la festeggiano.

"Festeggiamo una festa che non è nostra", argomenta il critico d'arte, facendo un elenco di feste paesane ricche di storia e tradizioni che rischiano invece di andare perdute. "Oggi, 2 novembre, festeggio la morte del 2 novembre. Un altro morto, si aggiunge ai morti: in questo giorno di mesta festa, che ognuno di noi privatamente celebra, rimpiango di aver perduto il senso e il destino della nostra civiltà", conlude Sgarbi.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY MAGAZINE
01 novembre 2019
Copyright © 1999-2018 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154