Catalogo
Dirette Tv
Cerca

IL MESSAGGIO

Michele Bravi e Chiara Galiazzo, la lettera contro l'omofobia

I due cantanti hanno letto in studio a Verissimo una nota scritta dallo stesso Bravi in occasione della giornata internazionale contro l'omofobia

Condividi
In occasione della giornata internazionale contro l'omofobia, Michele Bravi, aveva scritto un'emozionante lettera contro l'omofobia che poi aveva condiviso con i suoi follower sui social. Ospite a Verissimo, nella puntata del 6 febbraio, ha letto in studio lo scritto, insieme alla sua amica Chiara Galiazzo. Ecco il testo della lettera:
"Ho conosciuto l’amore nascondendo la testa tra le mani. Mi ricordo di una voce. Mi ricordo di quando per la prima volta, un attimo prima che la mia bocca incontrasse la bocca di un altro ragazzo, quella voce ha iniziato a bisbigliare nella mia testa 'è una cosa sbagliata, è una cosa sbagliata'. E c’era troppa paura in quel bacio per ricordarlo con dolcezza. Troppo rumore per sentire il suono delle labbra che si accarezzavano".

"Quella voce è stata lì con me per tanto tempo. Anche quando cantavo mi costringeva a cambiare la desinenza degli aggettivi (‘Bella’ invece di ‘bello’, ‘lontana’ invece di ‘lontano’, ‘vicina’ invece di vicino’). Poi, ad un certo punto, quasi per ribellarmi a questo opprimente bisbiglio, ho iniziato a ritenere che la mia sessualità fosse un fatto del tutto irrilevante per il mondo".

"Ricordo di aver pensato ‘Non parlo delle mie scelte non perché ho paura o voglio nascondermi. Semplicemente non ne parlo perché non serve’. Ho pensato che il silenzio fosse una dichiarazione di parità superiore a qualsiasi cosa. Mi sbagliavo. Ho pensato che il mio percorso individuale fosse solo una questione personale. Mi sbagliavo. L’amore non è mai questione personale".

"Tutti gli anni di nascondigli sono stati anni che hanno contribuito inavvertitamente a costruire quella macchina di paura che nasconde il sapore del primo bacio. Ho perso troppe occasioni per rompere quel meccanismo e iniziare a parlare la lingua della libertà e dell’espressione individuale. Chi ama ha il dovere di raccontare al mondo la presenza dell’amore. Chi conosce il sapore dei baci deve cantarlo, dipingerlo, metterlo in scena affinché tutti ne sentano la reale fragranza".

"Ho capito che l’amore è un atto pubblico. Che cambiare la desinenza degli aggettivi nelle canzoni o riscrivere i ricordi è un atto di paura. L'omofobia non è un insulto alla sessualità, ma è una bestemmia contro la parola amare. Chi è pronto, racconti l’amore senza vergogna. Chi ha bisogno di tempo, si senta protetto il cambiamento del mondo avviene sempre attraverso gesti sottili. Parlare d’amore è uno di questi gesti. Perché l’amore non parla mai la lingua della paura".
06 febbraio 2021
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154