Catalogo
Dirette Tv
Cerca

ROYALS

Il nuovo look di Charlotte Casiraghi

In un servizio per Madame Figaro con una doppia intervista insieme a mamma Carolina, Charlotte Casiraghi mostra un nuovo taglio sfilato con frangia: "Essere donne oggi è una lotta", dichiarano le principesse

Condividi
Charlotte Casiraghi cambia taglio di capelli e in un servizio per Madame Figaro, con un'intervista doppia insieme alla madre Carolina di Monaco, mostra un taglio più corto del solito, sfilato, con frangia lunghissima e leggermente bombata. Nell'intervista Charlotte, 34 anni, e Carolina, 63, parlano affrontano numerosi argomenti: dall'educazione ricevuta al rapporto con le loro origini, dall'impatto dei social network all'emergenza legata ai femminicidi, dalla paura di invecchiare al ruolo della donna.
Artefice del nuovo look di Charlotte Casiraghi è l'haristylist di fiducia John Nollet, che ha curato anche l'acconciatura del suo matrimionio. In alcuni scatti con la mamma, Charlotte ha scelto anche di raccogliere i capelli in un elegante chignon, che, grazie anche alla nuova frangia, ha evidenziato maggiormente la sua somiglianza con la principessa, che invece ha sfoggiato un raffinato caschetto corto.

E a sorprendere di più dell'intervista sono state proprio le parole di Carolina di Monaco, figlia di Grace Kelly, riferite a sua madre. "Fisicamente non le assomiglio affatto. Ricordo più la nonna paterna, una donna libera e con una pazza originalità". "Quando guardo i film di mia nonna, vedo in lei la tua grazia, la tua disciplina e anche il tuo mistero", ha preplicato però Charlotte Casiraghi.

Un’eredità che Charlotte custodisce con cura: "Mi sento ricca di tutte queste storie di famiglia, di tutti questi contrasti, di tutte queste donne che sono uscite da un percorso netto, come la mia stravagante bisnonna o mia nonna, che ha scelto di lasciare il cinema".
Charlotte Casiraghi, mamma di Raphael (7 anni, nato dalla relazione con Gad Elmaleh) e Balthazar (2 anni, nato dal matrimonio con Dimitri Rassam), ricordando gli anni alla scuola pubblica in campagna confessa: "Abbiamo avuto molta libertà, il che non significa che siamo stati messi da parte. Eravamo abbandonati a una solitudine molto proficua; questo ci ha fatto costruire una potente immaginazione".

Infine, parlando poi del ruolo delle donne le principesse hanno dichiarato: "La consapevolezza è un po' in ritardo e sono molto preoccupata per i femminicidi. Questo sottofondo di violenza contro la donna deve essere senza dubbio legato al corpo materno, al corpo sacro che può dare la vita. Attacchiamo un corpo che rappresenta una vulnerabilità in cui eravamo immersi da bambini".
03 novembre 2020
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154