Catalogo
Dirette Tv
Cerca

LA STORIA

Can Yaman: "Nei personaggi metto sempre qualcosa di me"

Ospite a Verissimo, Can Yaman racconta a Silvia Toffanin la sua infanzia e la sua carriera internazionale

Condividi
Can Yaman, protagonista della soap opera Daydreamer, si racconta in esclusiva nello studio di Verissimo. L'attore confida a Silvia Toffanin le difficoltà della sua infanzia: "Per i primi anni sono state le mie nonne a curarsi di me, perché i miei genitori avevano molto difficoltà economiche".

E prosegue: "Mio padre ha iniziato a guadagnare bene quando avevo 10 anni, lì la nostra situazione economica è completamente cambiata, ma quando poi sono entrato al Liceo Italiano è peggiorata di nuovo. Sono rimasto lì grazie a una borsa di studio". A salvarlo sono sempre stati gli studi: "Ero un ragazzo studioso e quella borsa di studio mi ha salvato la vita. Poi grazie a un altro esame vinto sono stato un anno in America. Ho sempre dovuto vincere le borse di studio per non pagare".

Can Yaman si è laureato in Giurisprudenza, ha iniziato a lavorare come avvocato, ma ha smesso dopo circa 6 mesi: "Mi annoiavo a morte. La mia passione era un'altra. Il primo giorno sul set ero emozionato ma tranquillo. Perché sono abituato a buttarmi nell'ignoto".

"Non sogno molto, mi piace vivere il presente. Vivo e agisco, sono molto realistico. Tre anni fa non avrei mai detto che sarei venuto qui oggi e invece è successo", afferma l'attore.
02 gennaio 2021
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154