Catalogo
Dirette Tv
Cerca

CRONACA

Tessere e braccialetti: i presunti rimedi al coronavirus

Le Iene smascherano un imprenditore oscurato dall'Antitrust e smentito dai medici

Condividi
Attenzione a chi cerca di vendere rimedi facili contro il Coronavirus. C'è infatti chi cerca di fare soldi pubblicizzando presunti dispositivi in grado di contrastare il Covid attraverso tecnologie mai verificate da studi attendibili. Le Iene contattano un imprenditore, Luciano Mion, pronto a vendere all'ingrosso tessere smagnetizzanti o braccialetti anti Covid.

L'inviato Alessadro Di Sarno si è finto un uomo d'affari francese e ha messo alla prova questo presunto inventore di una tecnologia segreta che, secondo lo stesso Mion, permetterebbe a certi dispositivi di "emettere dei segnali elettromagnetici uguali ma di polarità opposta a quelli che fanno male". Il sito dell'uomo però è stato presto oscurato dall'Antitrust e i medici interpellati dalla trasmissione Mediaset hanno categoricamente smentito l'imprenditore.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY MAGAZINE
27 novembre 2020
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154