Storia e Leggende

Napoleone, storia di un prometeo moderno

La vita, i pensieri e gli umori del generale Napoleone Bonaparte nei 299 giorni di esilio all'Isola d'Elba dove si sente confinato in un luogo per lui troppo piccolo.

Condividi
Napoleone, storia di un prometeo moderno è un documentario del 2014 diretto da Maurizio Bernardi.

Cast: Alessandro Bertolucci, Gliulia Lippi, Marco Bernardi, Paolo Bandinelli, Roberto Rossi, Luca Bellosi, Giulia Berrettini.

Una docufiction italiana, della durata di 52 minuti, dedicata a Napoleone Bonaparte e realizzata in occasione del bicentenario dell’arrivo dell’Imperatore all’Elba grazie al sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca. La pellicola mostra la parte ad oggi meno nota delle vicende napoleoniche, sempre considerato come un ingombrante sconfitto. Una tesi ribaltata recentemente dall’architetto Velia Gini Bartoli e dalla storica Roberta Martinelli in un loro libro nel quale sottolineano invece come Napoleone vive quei giorni sempre sentendosi un imperatore, riproducendo nell’isola i fasti tipici parigini ad iniziare dalle proprie residenze. Il generale non viene mostrato in una versione cupa, malinconica nei giorni elbani ma, secondo l’interpretazione di Bernardi, quasi come un Prometeo che ha perso la battaglia ma nella sconfitta mostra anche la vittoria del genere umano che continua a osare. All’interno si trovano tre interviste ad esperti di Napoleone ed Elisa Bonaparte: lo storico Luigi Mascilli Migliorini, la maggiore autorità italiana in ambito napoleonico, il direttore del Salone del Libro di Torino e scrittore Ernesto Ferrero e la studiosa e ideatrice del progetto Da Parigi alla Toscana: il gusto del vivere al Tempo di Napoleone e Elisa, Roberta Martinelli, già direttore dei Musei Nazionali dell’isola d’Elba. Un'analisi di vari aspetti della vita del condottiero corso ma anche delle vicende della sua famiglia, in particolare della sorella Elisa Baciocchi che condivide l’esilio del fratello, costretta così a lasciare il regno sul Principato di Lucca e Piombino: le meditazioni sulla fuga, la nostalgia per la Corsica, la depressione di Napoleone per la sconfitta ma anche i suoi legami con le ultime amanti ed i rapporti problematici con i potenti dell’isola, dal 4 maggio 1814 al 28 febbraio 1815, tratteggiando la figura di un uomo adesso vulnerabile ai sentimenti, spinto ad amare riflessioni. Nel cast principale il lucchese Alessandro Bertolucci nei panni di Napoleone, Giulia Lippi, anche lei lucchese, è la sua amante Maria Waleska che proprio sull’isola incontra per l’ultima volta l’imperatore, doppiatore Diego Reggente.

Se hai una Smart TV tutti i contenuti on demand di Mediaset Play potrai vederli anche sulla tua tv di casa. Ti basterà sintonizzare un canale Mediaset (su Digitale Terrestre o Tivù Sat) e in pochi secondi vedrai l’invito a premere il tasto “Freccia su” del telecomando. Con le frecce destra e sinistra potrai così scorrere le sezioni dell’applicazione e troverai il film sotto la voce “I Film della TV". Per l’elenco dei televisori abilitati e per tutte le informazioni utili vai qui
10 maggio 2021
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154