Catalogo
Dirette Tv
Cerca

A Chi vuol essere milionario?

Avere voce in capitolo, origine e significato dell'espressione

Detto usato per indicare qualcuno che vanta una certa autorità

Condividi
Avere voce in capitolo è un'espressione che veniva usata in passato per indicare gli ecclesiastici che avevano diritto di voto nei cosiddetti capitoli, cioè i collegi dei canonici addetti a una chiesa. Si trattava di assemblee di religiosi che si tenevano per assumere decisioni, durante le quali non tutti i presenti avevano diritto di parola.

L'origine e il significato di questa espressione è al centro della dodicesima domanda, del valore di 70mila euro, posta durante la puntata di Chi vuol essere milionario? in onda giovedì 22 ottobre, al concorrente Damiano Aresu: "Avere voce in capitolo significa avere una certa autorità e godere di un certo credito. Ma che cos’è il capitolo?".

Le opzioni fornite dagli autori sono le seguenti: una corporazione di mercanti, un’assemblea di religiosi, una riunione di scienziati e una messa solenne.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY MAGAZINE


22 ottobre 2020
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154