Festa della Liberazione

25 aprile, la Festa della Liberazione ai tempi del coronavirus

Anche la Festa della Liberazione dal nazifascismo viene condizionata dall'emergenza sanitaria del coronavirus

Condividi
L'emergenza coronavirus modifica i festeggiamenti per il 25 aprile che quest'anno saranno in forma ridotta. Il Viminale ha comunicato ai prefetti che "si potranno svolgere forme di celebrazione, come la deposizione di corone davanti a lapidi o monumenti" con la partecipazione oltre che delle autorità e anche delle associazioni partigiane e combattentistiche. Bisognerà comunque ridurre al minimo le rappresentanze per evitare assembramenti e garantire il distanziamento interpersonale.

La Festa della Liberazione dal nazifascismo si celebra ogni 25 aprile dal 1946, per ricordare la lotta partigiana e di Resistenza alle dittature durante il secondo conflitto mondiale. Tra coloro che combatterono per liberare il nostro paese ci furono anche due personaggi diventati poi celebri nel mondo della cultura e della televisione italiana.

Nel 1987, sul palco dei Telegatti, Mike Bongiorno e Indro Montanelli hanno raccontato il loro primo incontro, oltre 40 anni prima, nelle celle del carcere di San Vittore di Milano. Entrambi erano finiti in carcere per le loro attività contro il regime fascista.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY MAGAZINE
24 aprile 2020
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154