SALUTE

Sindrome della capanna, la psicologa: "Anche in bimbi e adolescenti"

A Mattino Cinque i consigli dell'esperta per superare i disagi di chi non riesce ad uscire: "Iniziare senza forzature ed evitare le code"

Condividi
Sono moltissimi gli italiani che dopo l'emergenza coronavirus e l'esperienza del lockdown non riescono più a uscire di casa o comunque lo fanno con enorme fatica. A Mattino Cinque la psicologa Maura Manca parla di quella che viene definita sindrome della capanna o del prigioniero: "È quella paura di uscire da quella che era la fortezza che ci ha salvato e ci ha protetto dal virus", spiega l'esperta.

"Anche tanti bambini e adolescenti hanno questo problema di cui si parla troppo poco", avverte ancora la professoressa che poi dà un consiglio a chi si trova in questa situazione. "Bisogna iniziare piano piano a scardinare quelle piccole insicurezze e riprendere fiducia nel mondo esterno: non inizierei dalle file e dagli assembramenti nei supermercati ma da piccole cose, senza forzature, come andare a buttare la spazzatura o comprare il giornale", prosegue la psicologa.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY MAGAZINE
03 giugno 2020
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154