CRONACA

Raffaele Sollecito: "Sono stato trattato come una persona negativa"

Il 36enne, ospite a Mattino Cinque, ricostruisce la vicenda processuale che lo ha visto coinvolto

Condividi
"Gli Stati Uniti hanno difeso Amanda, e quando è tornata a casa è stata presa per quello che è: una vittima che ha avuto un'esperienza orribile e che doveva ricostruire i pezzi di una vita ormai in frantumi. Io invece sono stato trattato come una persona sinistra, con varie facce, subdola, negativa". Ospite a Mattino Cinque Raffaele Sollecito ricostruisce la vicenda processuale che lo ha visto coinvolto.

L'1 novembre del 2007 Meredith Kercher, studentessa inglese in Erasmus a Perugia, viene trovata senza vita nel suo appartamento. Amanda Knox e Raffaele furono accusati di aver partecipato all'omicidio ma, dopo un complesso iter giudiziario, sono stati entrambi assolti nel 2015 dalla Corte di cassazione. Raffaele, oggi 36enne, spiega le difficoltà della vita quotidiana e quelle economiche, dovute anche alla negazione del risarcimento delle spese legali e processuali.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY MAGAZINE
29 ottobre 2020
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154