CORONAVIRUS

Milano, un imprenditore della ristorazione: "Non riaprirò tutte le mie attività"

A Mattino Cinque, Fabio Ionà, titolare di bar e ristoranti: "Ricavi da 2mila a 200 euro al giorno"

Condividi
In collegamento con Mattino Cinque, Fabio Ionà, un imprenditore milanese nel campo della ristorazione, spiega a Federica Panicucci le enormi difficoltà nel riaprire le sue attività durante l'emergenza Coronavirus: “Penso di non riaprire tutte le mie attività. Con il servizio di delivery sto perdendo il 90%. Sto lavorando con un dipendente contro 11".

Fabio Ionà è titolare di dieci attività e, dopo due mesi di lockdown, non riuscirà ad aprirli tutti: "Il ricavo è passato da 2mila euro a 200 euro al giorno. I dipendenti sono tutti in cassa integrazione. A ieri su 11 persone la metà non l’ha ancora ricevuta. Soldi che non arrivano e banche mi respingono. A noi conviene stare chiuso. 500mila euro di fatturato persi in due mesi".

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY MAGAZINE
15 maggio 2020
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154