Coronavirus

La Campania resta gialla, De Magistris: "Dati sottostimati"

Il sindaco di Napoli a Mattino Cinque contro la decisione del governo di non intensificare le restrizioni

Condividi
"Da quello che sento, da sindaco di questa città da nove anni, la situazione è drammatica ed è molto sottostimata con i dati formali". Ad affermarlo, collegato con Mattino Cinque, è il primo cittadino di Napoli, Luigi de Magistris, secondo cui "c'è qualcosa che non va, i conti non tornano".

Parole dure quelle dell'ex magistrato che da un lato ironizza parlando di "pittori che cambiano colori in 24 - 48 ore", mentre dall’altro sottolinea ancora una volta che "di mezzo c'è la salute dei cittadini". Il sindaco partenopeo spiega poi di aver ricevuto "le testimonianze da laboratori che fanno i tamponi che ci dicono che i dati da loro elaborati non risultano nei dati ufficiali".

Ma non è tutto perché De Magistris conclude dicendo: "Si parla di 600 terapie intensive di cui 186 occupate, ma poi i medici ci scrivono che non riescono a trovare terapie intensive per i pazienti".

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY MAGAZINE


10 novembre 2020
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154