CRONACA

Incidente a Lodi, il prefetto Maurizio Improta: "Bisogna capire se si tratti di un errore umano"

A Mattino Cinque parla il direttore del Servizio Nazionale Polfer: “Un pensiero ai ferrovieri morti”

Condividi
"Il primo pensiero va ai ferrovieri deceduti e ai loro familiari". È quanto dichiara il capo della Polizia Ferroviaria, Maurizio Improta, intervenuto telefonicamente nello studio di Mattino Cinque: "È partita subito la macchina dei soccorsi". "Partita immediatamente anche la macchina delle investigazioni. Stiamo facendo i controlli della linea telematica, ma visualizzeremo anche le telecamere di sorveglianza presenti nel tratto. Il convoglio non ha preso la via dei binari, ma uno svio, è deragliato ed è finito contro una palazzina. È stata cristallizzata l'area e individuato il luogo dove dovremo fare i rilievi", aggiunge Improta.

"Bisogna capire se sia colpa del fatto che in quel posto si erano fatti dei lavori o se si tratti di un errore umano. Su un tratto rettilineo dove la motrice cambia completamente rotta il punto da chiarire è se il problema sia sullo scambio ferroviario in quel punto, ma bisogna capire anche a chi era stata affidata la manutenzione di quel tratto ferroviario", conclude il capo della Polizia. Nell'incidente hanno perso la vita i due macchinisti, che avevano 59 e 51 anni. Una trentina i feriti, il più grave dei quali avrebbe una gamba fratturata.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY MAGAZINE
06 febbraio 2020
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154