MATTINO CINQUE

Delitto Murazzi, si pensa allo scambio di persona

La nuova ipotesi: Said Mechaouat avrebbe ucciso Stefano Leo per la somiglianza con il fidanzato della sua ex compagna

Condividi
Non per caso, ma per errore. L’omicidio di Stefano Leo, avvenuto il 23 febbraio scorso sul Lungo Po torinese, potrebbe essere dovuto alla somiglianza del ragazzo con il nuovo fidanzato della ex compagna dell’assassino, Said Mechaouat. Lo scambio di persone è quindi la nuova ipotesi al vaglio degli inquirenti.

Mechaouat, che dopo più di un mese dall’omicidio si è costituito e ha ammesso il crimine avvisando i carabinieri, non avrebbe colpito Stefano perché “era felice”, come lui stesso ha affermato durante il primo interrogatorio. A far virare le indagini in questa direzione è il luogo del delitto, a poche centinaia di metri da dove la ex di Said abita con il nuovo compagno.

Intanto puntano nuovi dettagli: il 27enne era stato già arrestato nel 2013 per maltrattamenti sulla donna.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY MAGAZINE
04 aprile 2019
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154