COVID-19

Crisanti: "Il tampone fai da te non viene registrato, non ci aiuta nel tracciamento contagi"

L’opinione del virologo docente di Microbiologia all’università di Padova sulla nuova tipologia di tampone

Condividi
"Non voglio esprimere un giudizio sul tampone fai da te, voglio ricordare che il controllo di una malattia trasmissibile si basa su due presupposti la notifica e la tracciabilità e non mi pare che il tampone fai da te coniughi questi due aspetti".

Così il virologo Andrea Crisanti, direttore di Microbiologia e virologia all'Università di Padova, in collegamento a Mattino Cinque commenta l’uso dei nuovi tamponi annunciati dal governatore veneto Luca Zaia.

"Questa è una malattia trasmissibile, non è che stiamo facendo un test di gravidanza", tuona ancora Crisanti che poi conclude: "Il tampone fai da te non viene registrato, non ci aiuta nel tracciamento contagi".

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY MAGAZINE

17 novembre 2020
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154