LA STORIA

Coronavirus, la protesta dello stilista che dà fuoco alla collezione

A Mattino Cinque Pietro Demita racconta il perché ha dato fuoco a una parte della sua nuova collezione: "I nostri sogni sono andati in fumo"

Condividi
"Tutti i sogni del nostro comparto wedding vanno in fumo". Questo il grido di protesta di Pietro Demita, stilista pugliese che ha dato fuoco a parte della sua nuova collezione di vestiti da sposa come segno di dissenso nei confronti del governo e delle sue misure economiche in risposta alla crisi economica legata al coronavirus, giudicate insufficienti.

"Di tutti gli aiuti che erano stati promessi non c’è arrivato ancora nulla", racconta lo stilista e imprenditore a Mattino Cinque. "Il mio è stato un segno forte di protesta, ma io rappresento tutto il comparto wedding perché il nostro è un settore che non si riprenderà facilmente perché vive di stagionalità", spiega ancora Demita, "la maggior parte di noi vive nell’incertezza, chiediamo allo Stato degli aiuti per tutte le nostre aziende e i nostri dipendenti".

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY MAGAZINE
01 maggio 2020
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154