CORONAVIRUS

Coronavirus, il medico del paziente 1 di Codogno: "Siamo provati, state a casa"

L'appello del dottore che ha curato il 38enne Mattia di Codogno: "Lui ce l'ha fatta perché giovane e forte, e ci sono volute quasi 4 settimane"

Condividi
A Mattino Cinque parla Raffaele Bruno, primario dell'ospedale San Matteo di Pavia, uno dei medici che ha curato Mattia, il 38enne della provincia di Lodi considerato il paziente 1 dell'epidemia di coronavirus in Italia.

Il ragazzo, rimasto sedato e intubato per settimane, ora sta migliorando di giorno in giorno. "Lui ce l'ha fatta perché giovane e forte, ma ci sono volute 4 settimane di terapia intensiva", racconta il dottore che ha spiegato le varie fasi di questa malattia ancora sconosciuta, "È nuova per il nostro sistema immunitario e per i medici che stanno facendo esperienza sul campo".

Poi rivolge un appello rivolto a tutti: "Vedo ancora troppa gente in giro, state a casa, sennò questa storia si allunga a dismisura. Siamo stanchi, non solo fisicamente ma anche mentalmente, siamo provati, fatelo per i vostri cari, per i vostri figli".

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE DI MEDIASET PLAY MAGAZINE
19 marzo 2020
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154