CORONAVIRUS

Coronavirus e spiagge: "Sabbia, mare e piscina non sono veicoli di trasmissione"

A Mattino Cinque, il microbiologo Pierangelo Clerici assicura: "Unici rischi nei luoghi di aggregazione"

Condividi
Il microbiologo Pierangelo Clerici rassicura gli italiani che hanno voglia di vacanze: nuotare nel mare e in piscina non rappresenta un rischio. Secondo l'esperto, in collegamento con Mattino Cinque, anche la sabbia non è un veicolo di propagazione del virus: "Di batteri e altre malattie infettive sì, ma non del coronavirus", assicura.

"Le uniche preoccupazioni sono legate al distanziamento sociale. Se ci vogliamo togliere la mascherine dobbiamo stare più lontani di due metri", precisa Clerici raccomandando particolare attenzione nei luoghi di aggregazione come i giochi da spiaggia, il bar, i ristoranti e le zone di accesso alla spiaggia.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY MAGAZINE
06 maggio 2020
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154