L'INTERVISTA

Stalking, sfregiato con l'acido dalla sua ex: "Preferivo una pistola e o un coltello"

Dopo quattro mesi dall'aggressione dell'ex ragazza, Giuseppe Morgante mostra i segni lasciati dall'acido sul suo volto e sul suo corpo

Condividi
Giuseppe Morgante, il ragazzo che è stato sfigurato con l'acido dalla sua ex ragazza il 7 maggio 2019 a Legnano, racconta per la prima volta le dinamiche dell'aggressione. Nei mesi precedenti, la iena Veronica Ruggeri era riuscita a parlare con Giuseppe, ma anche con Sara Del Mastro, la sua ex ragazza.

Ai microfoni de Le Iene, Giuseppe mostra le cicatrici provocate dall'acido sul viso e su tutto il corpo: "Preferivo che veniva con una pistola o un coltello, almeno così o sei vivo o morto. Così invece significa che vuole farti soffrire". Insieme a Veronica Ruggeri, l'uomo ripercorre la sera del 7 maggio: "Io stavo andando al lavoro alle 16, Sara si era fermata con la macchina e voleva parlare. Quando sono uscito alle 21, era ancora lì che girava. Si è presentata con un bicchiere di quelli da fast-food pieno di acido. E poi mi sono ritrovato senza la maglietta, a quel punto ho realizzato tutto”.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY MAGAZINE
28 ottobre 2019
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154