Cronaca

Rifiuti, i romani potrebbero pagare meno. Ma non lo sanno

L'inchiesta su presunte irregolarità nella raccolta della spazzatura. Chi le ha subite, può chiedere rimborsi dell’80%

Condividi
Continua l'inchiesta de Le Iene sui furbetti dell’immondizia a Roma. Gli inviati Filippo Roma e Marco Occhipinti portano alla luce presunte irregolarità nella raccolta dei rifiuti nella Capitale: operatori che, in pratica, usavano i badge senza fare il loro lavoro. Il tutto, a danno dei romani.

La novità è che i cittadini colpiti possono ottenere rimborsi consistenti, fino all’80%, sulla tassa sulla spazzatura. Già 55mila i ricorsi presentati; peccato che tanta gente non sappia di aver diritto alla restituzione dei soldi, come hanno scoperto gli stessi inviati. Ama, l’azienda dei rifiuti, fa sapere che tutti i reclami verranno esaminati.

I cittadini, però, sembrano disillusi: “Impossibile farsi portare i sacchi – commenta un intervistato - figuriamoci se mi rimborsano le tasse”. Qui sopra il servizio completo.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY MAGAZINE
09 dicembre 2019
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154