LE IENE

Pino, il bambino cresciuto in manicomio

Giuseppe Astuto racconta a Le Iene la sua storia, quando a 9 anni è stato rinchiuso nel manicomio di Girifalco per aver rubato del cibo

Condividi
"Diagnosi: carenza affettiva. Ricoverato per ragioni umanitarie". È questa la cartella clinica di Giuseppe Astuto, detto Pino, che il 15 dicembre 1967 viene ricoverato nel manicomio di Girifalco, in Calabria. Non è un malato psichiatrico, è solo un bambino, ma il suo incubo durerà 32 anni, come racconta a Nina Palmieri de Le Iene.

Giuseppe Astuto ha 9 anni quando va a prendere del pane da portare a casa, ma nel tragitto lo mangia e per paura di essere punito torna al mercato per rubare una pagnotta, ma rimane chiuso dentro. E Pino, come qualsiasi bambino affamato e circondato dal cibo, mangia tutto quello che può.

Il giorno dopo i Carabinieri chiamano la madre: "Signora Teresa, suo figlio non lo vedrà più". E così sarà, la madre non lo cercherà mai: per Pino inizia così una prigionia brutale.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY
02 dicembre 2019
Copyright © 1999-2019 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154