LE IENE

Omicidio Vannini, Antonio Ciontoli era in casa la sera dello sparo?

Nuove testimonianze a Le Iene sulla morte di Marco Vannini

Condividi
Emergono nuove testimonianze sulla morte di Marco Vannini, il ragazzo ucciso nella casa della sua fidanzata, Martina Ciontoli, a Ladispoli, il 17 maggio 2015. Quella sera venne raggiunto da un colpo di pistola mentre si trovava nella vasca da bagno.

Antonio Ciontoli, l’uomo condannato a cinque anni per omicidio colposo, quella sera era in casa? Le Iene intervistano la vicina del piano di sotto, Maria Cristina, che ha grossi dubbi: “Ho sentito le voci di tutti i Ciontoli, ma quella di Antonio, che è riconoscibilissima, non me la ricordo”. Inoltre la donna notò che quella sera l’automobile di Antonio non era parcheggiata al solito ma la vide in strada solo poco prima dell’arrivo dell’ambulanza.

Teorie che confermerebbero ciò che ha rivelato Davide Vannicola, che, durante la scorsa puntata de Le Iene, aveva sostenuto Roberto Izzo, l’allora maresciallo, avrebbe consigliato ad Antonio di prendersi la colpa al posto del figlio Federico. Qui sopra il servizio integrale.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY MAGAZINE
08 maggio 2019
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154