INCHIESTE

Marco Pantani, parla lo spacciatore: "È stato ucciso"

A Le Iene parla Marco Miradossa, spacciatore del ciclista all'epoca della sua morte: "Si riforniva solo da me"

Condividi
“Marco non è morto per cocaina. Marco è stato ucciso”. A parlare ai microfoni de Le Iene è Fabio Miradossa, uno spacciatore napoletano che era solito rifornire il ciclista Marco Pantani.

Secondo il giudice, la morte di Pantani, ritrovato senza vita all'età di 34 anni il 14 febbraio 2004 in una stanza dell'hotel Le Rose a Rimini, è dovuta a un arresto cardiaco per abuso di droghe e farmaci.

Dopo molti anni, Le Iene tornano sulla misteriosa scomparsa del campione per fare luce su alcuni interrogativi. Durante l'intervista esclusiva con la iena Alessandro De Giuseppe, Fabio Miradossa afferma: “Magari chi l’ha ucciso non voleva, ma Marco è stato ucciso”. "In quel periodo comprava solo da me", assicura l'uomo, riferendosi all'inverno del 2004, "non rischiava che qualcuno lo venisse a sapere, non rischiava niente. Perché non indagano sui 20mila euro che Pantani aveva prelevato per pagare la droga e che sono spariti?".

Nel video in alto il servizio completo andato in onda martedì 8 ottobre su Italia 1.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY MAGAZINE
09 ottobre 2019
Copyright © 1999-2018 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154