L'OMAGGIO

Le Iene per Nadia Toffa, lo speciale a un anno dalla scomparsa

Giovedì 13 agosto in prima serata su Italia 1 una serata speciale per ricordare Nadia Toffa

Condividi
"Credo che se Nadia ci vedesse fare quello che stiamo facendo si ammazzerebbe dalle risate! A un anno di distanza stiamo per farvi vedere qualcosa per cui non siamo assolutamente attrezzati, perché in questo speciale dedicato a Nadia parleranno tutte le persone che hanno lavorato con lei, che normalmente stanno dietro la telecamera e non sanno stare qui, dove sono seduto io e dove non sappiamo stare, ossia davanti. Questa cosa che ci costa moltissimo, come vedrete, la facciamo solo per lei”. Con le parole di Davide Parenti, che prima l’ha voluta come inviata e poi come conduttrice, si apre giovedì 13 agosto, in prima serata dalle 21.10 su Italia 1, Le Iene per Nadia, la puntata speciale che la grande famiglia de Le Iene ha scelto di dedicare a Nadia Toffa a un anno dalla sua scomparsa. Un ricordo commovente ma anche divertente, in condivisione con il pubblico che non ha mai smesso di manifestare affetto e stima nei confronti della grande guerriera.

Le Iene per Nadia: lo speciale
Le Iene per Nadia, fatto da Davide Parenti e Max Ferrigno, è un omaggio con contenuti inediti, ricordi, interviste, racconti e immagini che ripercorrono momenti della vita lavorativa di Nadia: dal primo servizio realizzato in cui vestiva i panni dell’inviata, alla sua prima conduzione, dalle prime apparizioni in tv fino alle ultime, momenti di gioia e spensieratezza ma anche testimonianze di chi ha vissuto da vicino la sua malattia.

Rivedremo estratti di servizi realizzati da Nadia che, a livello mediatico, suscitarono più clamore: la storia di Gabriella Mereu, la dottoressa miracolosa che utilizzava un pendolo “magico” per guarire i pazienti da ogni malattia (2015); l’inchiesta a difesa del “Made in Italy” per cui Nadia volò fino a Pechino e alcuni momenti del ritorno in onda di questa prima edizione senza di lei. La toccante intervista in cui si raccontò a Silvia Toffanin per Verissimo (2018), e il premio che vinse come migliore giornalista tv dell’anno (2015) grazie al reportage, realizzato con Gaston Zama, sulle violenze del califfato; il servizio in cui provò la “dieta Mima Digiuno” del prof. Valter Longo e la partecipazione allo show Vi dedico tutto di Biagio Antonacci in cui fecero una visita improvvisata a Eros Ramazzotti.

Autori e addetti ai lavori che hanno lavorato con lei e che l’hanno amata raccontano aneddoti e ricordi su quanto capitava sia davanti che dietro le quinte. Dallo scherzo a Teo Mammucari in cui Nadia avrebbe dovuto farlo innamorare (2013) a Celebrity Games (2012), le olimpiadi sportive a cui hanno partecipato vari personaggi televisivi delle trasmissioni Mediaset; dai racconti divertenti sul suo modo atipico di parlare con chiunque mantenendo la distanza di un solo centimetro, alla puntata dello show condotta insieme a Fedez e J-Ax; dall’intervista al suo primo amore cinematografico Terence Hill (2018) che poi le regalò una ciotola autografata dove mangiare i fagioli, alle partecipazioni a Caduta Libera, lo show di Gerry Scotti e al Maurizio Costanzo Show.

Fino ad arrivare allo storico 1 ottobre del 2019 quando Le Iene Show tornarono in onda dopo la sua scomparsa. Un momento indimenticabile quello della prima puntata senza Nadia che portò alla reunion di 100 Iene per lei, dove parteciparono tra gli altri Afef, Claudio Bisio Enrico Brignano, Alessandro Cattelan, Geppi Cucciari, Luciana Littizzetto, Enrico Lucci, Luca e Paolo, Simona Ventura, Fabio Volo. Un'unica grande famiglia pronta a stringersi nell’abbraccio più caloroso, prima di tornare in scena. Entrarono in studio tutti i personaggi che avevano vestito i panni da Iena e in quell’occasione indossarono di nuovo la “divisa”. Poi Alessia Marcuzzi le dedicò un commovente ricordo.

Max Ferrigno, che insieme a Davide Parenti organizzò la reunion, racconta: “Abbiamo pensato a lungo come ripartire senza Nadia ma, con un po' di fortuna abbiamo fatto una prima puntata molto bella. Non credo ci possa venire una cosa ugualmente bella se la riprovassimo altre mille volte e la cosa ancora più magica è che sono venute persone che Nadia non l’avevano mai nemmeno incrociata ma hanno capito che senza di loro, senza le loro conduzioni, senza i loro servizi, senza la loro storia, Nadia non sarebbe diventata quello che è stata”. E, sul discorso che fece la Marcuzzi a nome di tutti, afferma: “Alessia prima del suo discorso di apertura di questa prima puntata era davvero emozionata, si sentiva addosso una responsabilità molto grossa perché non voleva rappresentare il dolore di tutti. In quell’occasione è stata davvero molto brava”.

“Erano tutti nomi di primo piano della televisione italiana, non c’era quindi la volontà di provare quel momento con loro perché si voleva lasciare l’emozione e la spontaneità del momento – commenta il regista Antonio Monti - per cui abbiamo lasciato che il flusso delle persone entrasse in studio. È stato un momento storico e allo stesso tempo emozionante, un saluto corale che fondamentalmente non aveva nulla di preparato”.

“Una volta mi chiamò Biagio Antonacci, mi disse che voleva fare una cosa che non fosse solo un concerto, ma anche un racconto della sua vita. A me venne immediatamente in mente le, e si scatenò subito una grande empatia tra loro due”, sono le parole del regista Roberto Cenci.

Infine, il pensiero di tutte le persone che lavorano a Le Iene dedicato a Nadia: “Forse ora qualcuno potrebbe pensare che hai perso, ma chi ha vissuto come te, non perde mai”.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY MAGAZINE
12 agosto 2020
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154