Il caso irrisolto

Delitto Mollicone, lo strano suicidio del carabiniere

Parla la figlia di Santino Tuzi. Il brigadiere aveva rivelato che la 18enne uccisa ad Arce era entrata poco prima in caserma

Condividi
Le Iene tornano sul delitto di Serena Mollicone, la 18enne uccisa ad Arce nel 2001, e sul misterioso suicidio del carabiniere Santino Tuzi sette anni dopo.

“Mio padre dice di aver visto Serena, ritratta e poi riconferma di averla vista”, spiega Maria, la figlia del brigadiere morto nel 2008 dopo aver ribadito in Procura che la giovane morta in provincia di Frosinone era entrata nella caserma dei carabinieri, il giorno della sua scomparsa.

“Io ho paura che papà sia stato spaventato, aveva paura per noi. Ogni volta che sono tornata ad Arce nessuno mi ha mai indicata come la figlia del carabiniere suicida, ma del carabiniere ammazzato”, racconta ancora la donna a Le Iene, che rintracciano poi due testimoni importanti.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY MAGAZINE
02 dicembre 2019
Copyright © 1999-2019 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154