CRONACA

Ci sono irregolarità per i lavoratori del bar nel tribunale di Palermo?

Due dipendenti dicono a Le Iene di essere vittime di irregolarità sul posto di lavoro: Ismaele La Vardera è andato a controllare

Condividi
Valeria e Rita sono due dipendenti del bar all'interno del tribunale di Palermo che per 12 anni hanno lavorato dietro il bancone servendo caffè e brioches a magistrati, avvocati, agenti di polizia penitenziaria e carabinieri. Le due donne decidono di raccontare all'inviato de Le Iene Ismaele La Vardera quali sono le condizioni di lavoro a cui sarebbero sottoposte.

Il bar è gestito dalla famiglia Torregrossa: Giovanni, nel 2012, denunciò l'estorsione di cui era vittima e divenne un simbolo della lotta al pizzo. "Lavoro nove ore al giorno, inzio alle 6.30 e finisco alle 15.30, ma sono pagata per quattro ore. Lavoro gratis e in nero: abbiamo uno stipendio mensile di 600 euro, ma devo anche restituire una certa cifra", sostiene Rita, e Valeria racconta la stessa storia.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY MAGAZINE
17 giugno 2020
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154