INTERVISTA

Capitano Ultimo senza scorta: "Mi sento umiliato"

A Giulio Golia de Le Iene il colonnello dei carabinieri racconta l'origine del suo soprannome, l'arresto di Totò Riina e le minacce di morte

Condividi
"Mi sento umiliato, ma soprattutto capisco che abbiamo perso". Capitano Ultimo, il colonnello dei carabinieri che il 15 gennaio 1993 ha messo le manette al capo dei capi Totò Riina, parla con Giulio Golia de Le Iene dopo la revoca della scorta.

I familiari di Riina prima, e il nuovo boss Bernardo Provenzano poi, mettono una taglia sulla testa di Sergio De Caprio, questo il vero nome di capitano Ultimo. Ma la protezione è stata revocata perché secondo il ministero dell'Interno il colonnello dei carabinieri non corre più un grave rischio. "Ogni giorno penso che qualcuno possa venirmi ad ammazzare. Ogni giorno lo penso, ogni giorno sono pronto", dice De Caprio.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY MAGAZINE
23 ottobre 2019
Copyright © 1999-2019 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154