VIOLENZA

Roma, sassi e bottiglie contro la troupe di Dritto e rovescio

Il giornalista Valerio Minelli viene aggredito con un lancio di oggetti alla stazione Tiburtina di Roma: il servizio a Dritto e rovescio

Condividi
"Questa è la stazione Tiburtina di Roma e non possiamo più stare qua". L'inviato di Dritto e rovescio Valerio Minelli viene aggredito insieme al suo operatore con un lancio di bottiglie di vetro e sassi quando prova ad avvicnarsi a un gruppo di persone accampate fuori dalla stazione ferroviaria della capitale, punto di riferimento per i migranti a Roma anche prima del lockdown.

"Non possono intervenire i netturbini, è stato chiuso l'ingresso laterale della stazione, addiritura il capolinea dell'autobus è stato soppresso per motivi di sicurezza e le pensiline sono state trasformate in dormitorio", racconta il giornalista.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY MAGAZINE
22 maggio 2020
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154