DRITTO E ROVESCIO

Mercatone Uno, la rabbia dei licenziati

Sono 1800 le persone rimaste a casa: “Abbiamo avuto una fregatura e una truffa”

Condividi
Sono 1800 i lavoratori lasciati a casa da Mercatone Uno, dopo il fallimento dell’azienda e la chiusura scoperta da molti di loro direttamente sui social network.

“Abbiamo avuto solo una fregatura e una truffa”, dicono i dipendenti, arrabbiati, ospiti di Dritto e Rovescio con cartelli e striscioni che rivendicano la loro lotta per il lavoro. Valdero Rigoni, capo dell’azienda, secondo il servizio della trasmissione non si trova da nessuna parte.

“Ma pagherà mai per quello che ha fatto?”, si chiede un’altra dipendente. Gli stabilimenti interessati sono quelli di Beinasco, Brandizzo e Mappano. Il ministero dello Sviluppo Economico ha annunciato alcune prime iniziative sul caso.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY MAGAZINE
07 giugno 2019
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154