Dritto e Rovescio

Anche Zerocalcare non parteciperà al Salone del Libro

Dopo le polemiche scatenate dalla presenza della casa editrice Altoforte, si allarga l'elenco di chi ha deciso di fare un passo indietro

Condividi
Non si placano le polemiche nate attorno all'imminente Salone del Libro di Torino. L'evento vedrà infatti la presenza della casa editrice Altoforte, molto vicina a CasaPound, e questo ha provocato un passo indietro da parte di alcuni grandi protagonisti.

"Io andrò al Salone del libro di Torino, non più da consulente - aveva dichiarato Christian Raimo attraverso un lungo commento sui social - La ragione per cui mi sono dimesso è che non voglio la presenza di editori dichiaratamente fascisti o vicini al fascismo".

Al suo rifiuto si è poi aggiunto quello del collettivo di scrittori Wu Ming e dello storico Carlo Ginzburg. Infine è arrivata la disdetta anche del celebre fumettista Zerocalcare, che commenta: "Ho annullato tutti i miei impegni al Salone del libro di Torino, sono pure molto dispiaciuto ma mi è davvero impossibile pensare di rimanere 3 giorni seduto a pochi metri dai sodali di chi ha accoltellato i miei fratelli, incrociarli ogni volta che vado a pisciare facendo finta che sia tutto normale". E poi conclude: "Qua ogni settimana spostiamo un po' l'asticella del baratro".

Riviviamo dunque la puntata di Dritto e Rovescio in onda giovedì 2 maggio, durante la quale Paolo Del Debbio e i suoi ospiti avevano analizzato proprio le tematiche legate al fascismo.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY MAGAZINE
06 maggio 2019
Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154