CR4-La Repubblica delle donne

Enrico Mentana: “Il giorno della memoria è un'ipocrisia”

Il giornalista commenta la giornata dedicata alle vittime dell’Olocausto

Condividi
“Il giorno della memoria è una grande ipocrisia”. Sfogliando il libro di Enrico Mentana, La memoria rende liberi, scritto a quattro mani con Liliana Segre, ci si imbatte in questa frase, che sa di provocazione.

Il giornalista, ospite di #CR4-La Repubblica delle donne, spiega: “Il Giorno della Memoria è sicuramente un’iniziativa importante però al suo interno vivono delle ipocrisie”. La prima, secondo Mentana, è la seguente: “Dare un giorno e basta, vuol dire esentare gli altri 364”.

La seconda è più complessa: “Si vanno sempre a intervistare i sopravvissuti ai campi di concentramento, come se l’Olocausto fosse stato solo un problema di nazisti ed ebrei. Non si cercano altre persone che quel periodo lo hanno vissuto”.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MEDIASET PLAY MAGAZINE
30 gennaio 2019
Copyright © 1999-2018 RTI S.p.A. Business Digital – P.Iva 03976881007 – Tutti i diritti riservati – Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset – Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 – Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. – Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154